SEI IN > VIVERE MOLFETTA > CRONACA
articolo

Bancarotta fraudolenta, sequestrati beni per 14 milioni di euro

4' di lettura
36

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari hanno eseguito, nelle province di Bari, Foggia, Treviso e Padova, un decreto di sequestro preventivo di beni per un valore di oltre 14,5 milioni di euro

La misura cautelare è stata eseguita nei confronti di due società di Molfetta e di due indagati, nelle loro qualità di amministratore di fatto e di diritto (mero prestanome) delle due imprese: una attiva nel settore della compravendita di immobili e dell’assunzione di partecipazioni; l’altra operante nel campo della progettazione, realizzazione e commercializzazione di impianti per la produzione di energia. Il sequestro ha riguardato terreni, un capannone industriale in corso di costruzione, quattro appartamenti, crediti, disponibilità finanziarie e altri beni, per un valore complessivo di oltre 14,5 milioni di euro. I reati contestati sono bancarotta fraudolenta, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte, ricettazione e riciclaggio.

Il provvedimento si inquadra nell’ambito di più complesse indagini di polizia giudiziaria delegate dalla Procura di Trani al Nucleo PEF di Bari, aventi ad oggetto la gestione di molteplici società riconducibili a uno stesso “centro di interessi” familiari, attive nel settore florovivaistico e di produzione di energia. In particolare, gli immobili e i crediti oggi sequestrati costituivano asset aziendali oggetto di un’operazione societaria avvenuta tra due società molfettesi coinvolte nella vicenda giudiziaria. Nel dettaglio, secondo l'ipotesi accusatoria, la prima società - poi dichiarata fallita dal Tribunale tranese nell’aprile del 2020 - aveva debiti per quasi 20 milioni di euro nei confronti di un’impresa controllata, derivante da una “gestione centralizzata della tesoreria” (c.d. “cash pooling”). Attraverso tale tecnica la liquidità di un gruppo societario viene accentrata presso un’unica società (“cash pool leader”) che è in grado di gestirla al meglio dirottandola. verso gli altri soggetti economici che ne hanno bisogno.

La curatela della controllata - parimenti dichiarata fallita nell’ottobre del 2011 dal Tribunale di Crotone – aveva promosso, inizialmente, nei confronti della controllante un procedimento civile al fine di ottenere il pagamento del credito vantato e, successivamente, richiesto un sequestro conservativo. Ciò nonostante, nell’aprile del 2017, l’assemblea straordinaria della società controllante approvava una operazione societaria finalizzata a trasferire a una società costituenda (mai divenuta operativa) beni di rilevante valore, tra i quali, tra gli altri, un terreno e un capannone industriale siti a Molfetta (del valore di circa 4,5 milioni di euro), 3 appartamenti ubicati a Candela (del valore complessivo di oltre un milione di euro), crediti verso terzi per circa 1,7 milioni di euro. L’operazione societaria sopra descritta avrebbe, inoltre, consentito alla società controllante di sottrarsi al pagamento delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto, con riferimento agli anni d’imposta dal 2004, per un ammontare di circa 5,4 mln di euro, comprensivo di sanzioni e di interessi, rendendo inefficace la procedura di riscossione coattiva da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Le indagini eseguite avrebbero consentito di acquisire un grave quadro indiziario nei confronti delle 5 persone fisiche indagate, ulteriormente consolidato a seguito della consulenza tecnica disposta dai Pubblici Ministeri. Un ruolo importante, nella fase di perfezionamento dell’operazione distrattiva, sarebbe stato rivestito da una stretta collaboratrice dell’amministratore (di fatto) delle società coinvolte, la quale si adoperava fattivamente per reperire i documenti necessari a favorire la stipula dal notaio dell’atto di scissione nel più breve tempo possibile, in considerazione delle azioni giudiziarie civili pendenti. Numerosi gli elementi investigativi acquisiti che hanno consentito di meglio “perimetrare” le condotte illecite emerse nel corso delle indagini: fra queste, si segnalano la nomina di un prestanome, la costituzione di una nuova s.r.l. (beneficiaria dell’operazione straordinaria e di fatto mai divenuta operativa), la predisposizione del progetto di scissione e la relativa stipula dell’atto con tempistiche e modalità sospette.

La complessiva ricostruzione dei rapporti intercorsi fra le varie imprese coinvolte avrebbe consentito di accertare la corresponsione di circa 30 mila euro al “prestanome” utilizzato per perfezionare l’operazione societaria in esame. In particolare, tale somma, derivante da ulteriori condotte appropriative a danno di altre società riconducibili al medesimo contesto familiare, dopo plurime movimentazioni bancarie sarebbe stata versata alla “testa di legno” giustificando il “passaggio di denaro” con contratti di finanziamento ritenuti “simulati”.



Questo è un articolo pubblicato il 16-11-2023 alle 10:58 sul giornale del 17 novembre 2023 - 36 letture

All'articolo è associato un evento






qrcode